NET Engineering Spa is a brand of the group

NET Engineering International

Find out more

 

Barriere acustiche sul Brennero

Un importante compito, con implicazioni di carattere ingegneristico, architettonico ed ambientale.

Nelle prime settimane di maggio sono stati svolti i sopralluoghi in territorio altoatesino dei tecnici di NET Engineering, congiuntamente con quelli RFI e STA Bolzano, propedeutici all’avvio delle attività di progettazione delle nuove barriere acustiche lungo la linea ferroviaria del Brennero.

Tali attività discendono direttamente dal secondo accordo quadro sottoscritto a metà 2010 da R.F.I. e dai rappresentanti della Provincia di Bolzano nell’ambito del programma di interventi contro l’inquinamento acustico provinciale; come ha sottolineato l’assessore Michl Laimer “questo programma comprende investimenti per circa 9 milioni di euro” e prevede una ripartizione dell’impegno finanziario tra R.F.I. e Provincia di Bolzano rispettivamente dell’80% e del 20%.

La progettazione definitiva delle opere, che NET svilupperà nei prossimi mesi, si basa sullo studio preliminare condotto dall’Agenzia Provinciale per la Protezione dell’Ambiente di Bolzano (A.P.P.A.), le cui analisi e simulazioni hanno portato a definire la lista degli interventi puntuali di risanamento acustico, da realizzare nelle aree limitrofe alle stazioni di Bronzolo, Bolzano, Chiusa, Bressanone e Colle Isarco.

Si tratta di un territorio di 90 Kmq che comprende una diversità di contesti che vanno dalla periferia fortemente antropizzata dei quartieri Rencio e Piani di Bolzano, dove il tracciato ferroviario è stretto tra alti edifici residenziali, ad aree ad elevato pregio storico e ambientale come la valle dell’Isarco, o la stazione di Bressanone che, con il suo fabbricato vincolato risalente al 1867, rappresenta un esempio di architettura asburgica di fine ‘800.

L’inserimento delle barriere, che prevedono altezze fino ai 6 metri ed uno sviluppo complessivo di quasi 4 km, dovrà quindi di volta in volta confrontarsi con i diversi contesti e porsi quanto più possibile in dialogo con essi, in modo da garantire il rispetto della caratteristiche specifiche dei luoghi.

 


18 maggio 2015